25° anniversario della strage di Capaci

 

Lo scorso 23 maggio è ricorso il 25° anniversario della strage di Capaci dove morirono in un attentato il Giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta: Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani; da ormai diversi anni l’FMI è presente per questo evento che coinvolge tutta l’Italia e dove il MIUR insieme alla Fondazione “Falcone” organizza un grande meeting tra tutti gli studenti d’Italia in un grande luogo di Palermo, Piazza Magione, nel quartiere della Kalsa che diede i Natali al Giudice Paolo Borsellino, anch’esso vittima della Mafia il 19 Luglio dello stesso anno dove a seguito di un’altra grande esplosione morirono anche 5 agenti della sua scorta.

Questo Evento che ogni anno ricorda i due attentati alla memoria dei due Giudici che hanno dato la vita per la lotta alla Mafia, vuole essere un incontro ed anche una festa spettacolo dove gli studenti incontrano le istituzioni in appositi stand ivi allestiti, e come anche gli atri anni il MIUR, insieme alle forze armate e le forze di Polizia, l’università ed altri Enti ed Istituti, ha dato uno spazio ampio alla FMI.

Quest’anno a differenza degli altri anni lo  scrivente ha voluto inserire oltre alla promozione dell’educazione e della sicurezza stradale, anche la diffusione dello sport motociclistico che la FMI rappresenta, coinvolgendo il Co.Re. Sicilia; di questo il Presidente Nunziato Pizzo si è subito interessato ed ha messo a disposizione un arco gonfiabile e dei gadget facendomi contattare da Tony Calandra ex pilota di enduro FMI, il quale ha messo a disposizione dell’evento due moto da Enduro da competizione, una storica ed una moderna, che attualmente gareggiano nei campionati Italiani.

Il sottoscritto ed i Formatori insieme a Tony Calandra, hanno allestito lo stand, montato il gonfiabile ed esposto le moto, sin dalle prime ore del mattino per essere pronti ad accogliere i ragazzi partecipanti, e durante tutta la mattina fino alle 14 sono transitati nella piazza dell’evento oltre 7.000 ragazzi di ogni età, si sono presentate scolaresche dalla scuola primaria alle superiori e tutti insieme abbiamo dato delle dimostrazioni sulla guida in sicurezza sull’importanza delle protezioni e del casco, mostrando loro un casco in sezione per vederne la sua composizione, con l’ausilio degli occhiali Alcolvista abbiamo dimostrato ai più grandi l’effetto dello stato di ebrezza ed  a tutti abbiamo dato gadget portachiavi FMI, alcoltest monouso, e materiale divulgativo sulla sicurezza e le attività FMI.

Il nostro contributo per questa giornata è andato oltre la presenza dello stand, dove circa 30 motociclisti dell’associazione Sicurezza Stradale Sicilia che raccoglie piloti volontari di alcuni motoclub FMI di Palermo, si è curato il trasporto dei ragazzi giunti a Palermo con la nave della legalità e di quelli provenienti dalle scuole di Palermo e Provincia, facendo da motostaffetta ai Pullman messi a disposizione dai vari corpi di Polizia, i motociclisti hanno curato e messo in sicurezza il percorso dei Pullman da e per la Piazza interessata; nel pomeriggio poi si è curato il corteo finale che i ragazzi impegnano per le vie della città, partendo dal luogo della strage di Borsellino, via D’Amelio, fino all'”Albero Falcone”sito davanti la casa di residenza del Giudice.

Il tutte le attività si sono concluse facendo un ultima staffetta dei Pullman che hanno riportato i ragazzi del resto d’Italia sulla nave della legalità al porto.

La giornata è stata coronata da molti concerti e spettacoli che la Rai ha trasmesso in diretta fino a tardi.

 

Concludendo, ringraziando vivamente tutti i motociclisti partecipanti all’evento, i Formatori, Tony Calandra, nonché il Presidente del Co.Re.Sicilia Nunzio Pizzo e tutti voi del Dipartimento per il grande appoggio dato.

Giovanni FASITTA

Si ringrazia Giovanni Fasitta   Tony  Calandra e quanti hanno collaborato alla riuscita della manifestazione.

Grazie a Tutti

Co.Re. Sicilia

 

Iscriviti alla newsletter FMI

Per essere sempre aggiornato su tutte le attività FMI